Mancano ormai pochi giorni alle vacanze e si scatena la voglia di mare. Ma dove andare? Naturalmente restiamo nella nostra Campania felix che ha tante meravigliose località balneari da offrire. Quest’anno poi sono tante le spiagge Bandiere Blu assegnate alle coste della nostra regione:

Napoli
Anacapri – Faro/Punta Carena, Gradola/Grotta Azzurra
Massa Lubrense – Baia delle Sirene, Marina del Cantone, Marina di Puolo, Recommone
Vico Equense – Bikini, Scrajo Mare,Marina di Vico/Marina di Seiano Ovest Porto, Capa La Gala
Sorrento – San Francesco/Marina Grande, Riviera di Massa
Piano di Sorrento – Marina di Cassano
Salerno
Montecorice – Baia Arena, Spiaggia Capitello, Spiaggia Agnone, San Nicola
Ispani – Ortoconte/Capitello
Capaccio – Licinella, Varolato/La Laura/Casina D’Amato, Torre di Paestum/Foce Acqua dei Ranci
Agropoli – Spiaggia Libera Porto, Lungomare San Marco, Torre San Marco, Trentova
Pisciotta – Ficaiola/Torraca/Gabella, Pietracciaio/Fosso della Marina/Marina Acquabianca
Casal Velino – Dominella/Torre, Lungomare/Isola
Sapri – San Giorgio, Cammarelle
Centola – Palinuro (Porto/Dune e Saline), Marinella
San Mauro Cilento – Mezzatorre
Vibonati – Santa Maria Le Piane, Torre Villammare, Oliveto
Pollica – Acciaroli, Pioppi
Positano – Spiaggia Grande, Spiaggia Arienzo, Spiaggia Fornillo
Positano – Spiaggia Arienzo, Spiaggia Fornillo
Castellabate – Lago Tresino, Marina Piccola, Pozzillo/San Marco, Punta Inferno, Baia Ogliastro
Ascea – Piana di Velia, Torre del Telegrafo, Marina di Ascea

Scenari incantevoli, mare trasparente, spiagge pulite. Dopo avere “assaggiato”, nella prima puntata, lo splendido mare della costiera sorrentino-amalfitana, e nella seconda puntata l’incantevole golfo di Salerno e la piana del Sele proviamo ora a scendere un po’ più a sud per visitare altre due aree straordinarie:
IL MARE DEL CILENTO E DELLA VALLE DI DIANO – Nel 1991 è stato istituito il Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano. Si tratta di una delle aree montane più suggestive della Campania. La costa, frastagliata e impervia, caratterizzata da insenature, grotte e piccole spiagge, è di grande bellezza. La macchia mediterranea si alterna alla roccia e alle coltivazioni più diffuse: la vite e l’ulivo. Il mare dalle acque cristalline è un vero paradiso per i sub. Alcune spiagge sono raggiungibili solo a piedi o con piccole imbarcazioni.
Molto bella punta Licosa o le spiagge d’Acciaroli. Incantevole la costa di Capo Palinuro e di Marina di Camerota. Nel Cilento troviamo anche la Costa degli Infreschi, che è una delle aree marine italiane protette. Meritano una visita alcune grotte spettacolari come: la Grotta Azzurra, la Grotta dei Monaci, la Grotta delle Ossa, la Grotta sepolcrale, la Grotta della Cala.
Su un promontorio si trovano i resti di Velia, un’antica città greca. A pochi Km dalla costa si può scoprire la meravigliosa natura del Parco, anche con percorsi in mountain bike suggeriti dalla Comunità montana del Lambro e Mingardo.
La gastronomia è legata sia al mare che ai prodotti della terra. Oltre agli agrumi, alle olive sono consigliati i fichi bianchi del Cilento. Ma non si possono non menzionare i deliziosi formaggi caprini e ovini e il prosciutto e la salsiccia con i finocchietti o con il peperoncino, da accompagnarsi con i vini doc cilentani.
IL GOLFO DI POLICASTRO – Grande Golfo tra la Campania e la Calabria, Policastro alterna scogliere a strapiombo sul mare a insenature, a grotte e a piccole spiagge incantevoli. Il Golfo si estende da Punta degli Infreschi a Capo Scalea in Calabria. Il mare è limpidissimo circondato da uno splendido scenario naturale. Le tranquille spiagge di Scario e di Villamare hanno alle spalle profumate terrazze di agrumeti e oliveti. Tra i centri balneari più importanti troviamo Sapri, divenuta famosa per la spedizione di Carlo Pisacane nel 1857. In direzione di Acquafredda, si estende una meravigliosa costa dirupata, ricca di scorci pittoreschi e grotte, tra le quali la Grotta delle Colonne. Nell’entroterra, immergendosi nei fitti boschi del Parco nazionale del Cilento e del Vallo di Diano si può raggiungere l’oasi WWF delle Grotte del Busseto, o Pertosa, dove si trova una delle Grotte più estese e importanti del Sud Italia; Padula con la rinomata Certosa di San Lorenzo. Non molto distante c’è Teggiano con il suo borgo medievale e il Castello.
La tradizione gastronomica marinara del Golfo si sposa con quella contadina dell’entroterra dando vita a dei piatti gustosissimi..

Leave a Reply

  • (not be published)