Mancano ormai poche settimane alle vacanze e si scatena la voglia di mare. Ma dove andare? Per una volta restiamo nella nostra Campania felix che ha tante meravigliose località balneari da offrire. E l’invito si apre naturalmente a tutti gli italiani ! Quest’anno sono addirittura 12 le Bandiere Blu assegnate alle coste della nostra regione: scenari incantevoli, mare trasparente, spiagge pulite. Da oggi parte su questo blog l’invito a conoscere meglio le coste della Campania. E lo facciamo partendo dalla costiera sorrentino-amalfitana. Un luogo di grande fascino, dove il tempo sembra essersi fermato, davanti alla spettacolo della natura, sono la Penisola sorrentina e la Costiera amalfitana. Da sempre sono le mete preferite di un turismo internazionale. Sorrento chiude a Sud il Golfo di Napoli. Lo spettacolo naturale del Golfo con il profilo inconfondibile del Vesuvio, la presenza delle isole rendono quest’angolo della Campania incantevole e unico al mondo. I Greci credevano che le acque della Penisola fossero abitate dalle Sirene. I Romani edificarono qui le loro grandiose ville. A piedi si può raggiungere Punta della Campanella, punta estrema della Penisola sorrentina, di fronte a Capri. La Costiera Amalfitana è un posto senza eguali, quasi anacronistico di una bellezza insieme selvaggia e delicata. Dalla costa frastagliata, caratterizzata da un alternarsi di terrazze di agrumeti e viti, si godono degli scorci mozzafiato. La costa con i suoi dirupi a mare e i paesini arroccati sulle montagne, è ricca di molte piccole spiagge e veri angoli di paradiso come: la Baia di Ieranto, la Marina del Cantone e la Conca dei Marini. Sorrento sorge su una terrazza tufacea a strapiombo sul mare. Da visitare: il Duomo, la Chiesa di Sant’Antonino e il Museo Correale di Terranova, con reperti e manufatti databili dal IV sec. a. C. A Vico Equense si consiglia di vedere la Cattedrale gotica e il Castello a strapiombo sul mare. Da Sant’Agata dei due Golfi, al centro della Penisola Sorrentina, si possono ammirare le acque del Golfo di Napoli e di Salerno. Positano con il suo caratteristico borgo marinaro continua ad essere una delle località più alla moda della costiera.Amalfi è tra i centri più importanti e visitati, insieme a Ravello. Ad Amalfi oltre al borgo, che la caratterizza merita una visita il Duomo di Sant’Andrea e il Chiostro del Paradiso. Ravello domina dall’alto la Costiera. Al Centro della piazza si trova la Cattedrale con uno splendido pergamo duecentesco. Poco distante c’è l’ingresso di Villa Rufolo, che ogni anno ospita un importante Festival di Musica classica in onore di Richard Wagner. Da Villa Cimbrone sempre a Ravello si gode di uno dei panorami più famosi d’Italia. Vietri sul Mare è nota in tutto il mondo per la produzione della ceramica. Una visita nell’entroterra merita l’Abbazia della SS Trinità a Cava de’ Tirreni.I piatti della Costiera sono profumati e colorati come: gli gnocchi (n’duneri) con la salsa di zucchine, gli scialatielli con il pomodoro e il fiordilatte di Agerola, i brasati con scampi allo zafferano e totani ripieni di orzo e fave. Tutto rigorosamente accompagnato dai vini bianchi: Gran Caruso e Gran Furore. Rinomato il limoncello che si produce dai profumatissimi limoni della Costiera. Molto apprezzate anche le noci.

Leave a Reply

  • (not be published)