“NON SONO SOLO I SONDAGGI CHE CI DANNO VINCENTI, È IL CALORE DEI BENEVENTANI CHE CI DA LA CERTEZZA DELLA VITTORIA”.

Sono le espressioni più gettonate tra i supporters dei due sfidanti del sindaco uscente Mastella.

Dopo i veleni e gli strali indirizzati contro i presunti tentativi di accreditare presso l’opinione pubblica “falsi” sondaggi che darebbero Perifano in vantaggio il 17 e 18 ottobre, Mastella rivolge i suoi epiteti contro tutti, ciascuno reo di non essere funzionale al suo trionfale ritorno “in ascensore” a Palazzo Mosti.

Mentre i due moschettieri, Perifano/Moretti, battono instancabili quartieri cittadini e strade di campagna nelle numerose contrade, per ascoltare tutti i cittadini che pure hanno tanto da recriminare sulle inadempienze delle ultime consiliature.

Dallo staf dei due “Moschettieri” si lasciano prendere non poco dalla foga di rispondere a tono al sindaco uscente: “Nessun sondaggio farlocco, tutto quello che si dice in città e nelle contrade di Benevento, purtroppo per Mastella è tutto vero. Gli elettori ci ascoltano e sono molto interessati a sapere quello che la squadra Perifano/Moretti vorrà fare di buono per la città. Se tutto questo crea preoccupazioni al sindaco uscente Mastella, è un problema che dovrebbe risolvere lui stesso e non sperare che siano i beneventani a sostituirsi alle sue preoccupazioni”. Concludono i supporters di Perifano Sindaco.

Di seguito nota stampa delle liste a sostegno di Luigi Diego Perifano: “I mastelliani proprio non riescono a resistere alla tentazione della rissa. Registriamo dunque l’ennesima accusa basata sul nulla, l’ennesima ridicola fake-news. Ci limitiamo allora a chiarire ai beneventani – ammesso che qualcuno si stia interessando a questo teatrino – che noi non abbiamo commissionato alcun sondaggio. D’altronde non ci interessano. Per noi vale il risultato elettorale del primo turno: la maggioranza dei beneventani ha già bocciato l’amministrazione Mastella e tre candidati sindaci hanno ottenuto più voti delle loro liste. L’unico candidato sindaco che ha preso meno voti delle liste è Mastella. A noi bastano questi dati perché sono già significativi e non abbiamo bisogno di sondaggi”.

Leave a Reply

  • (not be published)