Il Ministro della Salute ha presentato al Parlamento il nuovo dpcm. 

Speranza ha sottolineato che in questa seconda ondata di contagi “in tutti i Paesi c’è inversione di marcia ripristinando misure restrittive” e che “l’Italia sta meglio e sta reggendo meglio.. ma non dobbiamo farci illusioni e sarebbe sbagliato sulla base dei numeri credere di esserne fuori”.

Nel nuovo dpcm sono state confermate  tutte le misure anticontagio giá previste, l’introduzione dell’obbligo delle mascherine all’aperto, la proroga dello stato d’emergenza al 31 gennaio. Nessuna stretta alle attività commerciali ed economiche e nessun coprifuoco.

Al  momento del voto sulla risoluzione di maggioranza alla Camera é mancato il numero legale. Il centrodestra,infatti, non ha partecipato al voto, e l’assenza di alcuni parlamentari della maggioranza non ha permesso di raggiungere la soglia per 15 voti e per 8  nella seconda votazione.

Non si è fatto attendere l’affondo del leader della Lega Salvini:  “Maggioranza allo sbando, litigiosa e assente, perfino quando si  parla di virus”

E ancora Maria Stella Gelmini,capogruppo di FI: “Ma voi pensate davvero che il dialogo con l’opposizione debba servire solo a voi per garantire il numero legale, o volete un rapporto vero e ripristinare un metodo di confronto? Noi chiediamo che il premier Conte venga in quest’Aula. Noi vogliamo discutere con il presidente del Consiglio della proroga dello stato d’emergenza, la nostra è una richiesta di buon senso”

Giorgia Meloni si lascia alla provocazione: “Questa maggioranza in frantumi dovrebbe gestire l’aumento dei contagi, le risorse del Recovery Fund, la stagione complessa che stiamo affrontando? Le cose andranno sempre peggio, come abbiamo ampiamente previsto da mesi”.

Il vicepresidente  Ettore Rosato ha rinviato la votazione a domani mattina come primo punto all’ordine del giorno.

 

Mafalda Maria Cristina Cocozza
Giornalista Pubblicista - Linguista - Consulente Comunicazione Politico/ Istituzionale.

Leave a Reply

  • (not be published)