0 2 mins
Mezzogiorno Italia Press

Il governatore della Campania, Vincenzo de Luca, scrive al premier Giuseppe Conte, segnalando, senza mezzi termini, le gravi inadempienze del governo in merito ai provvedimenti sinora posti in essere nel corso dell’emergenza da COVID-19 : «Signor presidente, le segnalo con preoccupazione e sconcerto il fatto che a 15 giorni dagli incontri da me avuti con esponenti di governo, le principali richieste avanzate dalla Regione Campania per affrontare l’epidemia Covid rimangono tutt’oggi senza risposta. Le ricordo che avevamo chiesto l’invio immediato da parte della Protezione Civile di 600 medici (con particolare attenzione agli anestesisti) e 800 infermieri. Ad oggi sono arrivati solo 22 medici e 81 infermieri. È una situazione sconcertante e intollerabile se si tiene conto del fatto che la Regione Campania ha una sottodotazione drammatica di personale. Colgo l’occasione per sottolineare le sconcertanti affermazioni di consulenti sanitari nazionali relative alla Campania e che risultano assolutamente intollerabili a fronte dei ritardi gravissimi con cui il governo ha affrontato le questioni che riguardano la nostra Regione. Continuo a registrare in particolare posizioni tanto irresponsabili quanto scollegate da ogni valutazione epidemiologica in relazione al mondo della scuola. Attendiamo che il governo dica parole chiare ed esca dai balbettii e si assuma responsabilità piene. Dopo mesi di sottovalutazioni, di ottimismi forzati e di mezze misure, ci troviamo di fronte a decisioni improvvisate, male preparate e peggio motivate, e in un contesto nel quale molti operatori economici hanno visto non attuati gli impegni del governo. Nei prossimi giorni…

ALTRI ARTICOLI

Napoli, sequestrate 139mila mascherine protettive cinesi, prive di certificazione
Prosegue senza sosta il contrasto delle forze dell’Ordine alle attività
Vivace Consiglio comunale a Moiano: sul Piano triennale la minoranza abbandona i lavori
  Acceso dibattito durante l’ultima riunione del Consiglio comunale a
Benevento, alla Bosco Lucarelli tablet consegnati ai ragazzi dai Carabinieri
La situazione di disagio nel mondo della scuola, scaturita dalla
Arpaia, si mette alla guida dopo aver assunto cocaina e provoca un incidente
Continua incessante l’opera di prevenzione e repressione in ordine al
di Mafalda Maria Cristina Cocozza Published on Ott 26, 2020
0 5 mins
Mezzogiorno Italia Press

 

 

 

 

 

Il 30 Gennaio 2020 il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiarava il focolaio internazionale di COVID-19 “un’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale”, ma sarà l’11 Marzo che la parola Pandemia entrerà nelle nostre vite cambiandole radicalmente. In questi mesi i social media, i giornali, le tv ci hanno raccontato la pandemia attraverso una sequenza di immagini che sin da subito hanno evocato nell’immaginario collettivo scenari di guerra: Ospedali riconvertiti in covid zone, medici e infermieri prostrati dalla stanchezza e dalla paura, persone in fila davanti agli istituti di Carità, strade deserte, saracinesche abbassate, ed i camion militari che da Bergamo trasportavano bare nel silenzio di una notte senza fine. Se le immagini ci hanno dato il racconto visivo della crisi sanitaria che ci ha travolti, è stata la lingua a fotografare il cambiamento che il coronavirus ha apportato alla nostra quotidianità, al nostro vivere la socialità, la familiarità. Il lessico della medicina è entrato nel nostro vocabolario di base asintomatico, focolaio, intubato,incubazione si muovono con disinvoltura nei nostri discorsi familiari. L’Istituto Treccani ha inserito 100 nuove parole più usate durante la fase di emergenza. E’ stata registrata una forte tendenza allo slittamento semantico. Il mutamento semantico avviene quando un nuovo significante è riferito a un significato e quando un nuovo significato è riferito a un…

ALTRI ARTICOLI

CORONAVIRUS: NUOVA CIRCOLARE MINISTERO SU ISOLAMENTO E QUARANTENA
Una nuova circolale del ministero della Salute, emanata oggi, aggiorna
La Reggia di Carditello diventa incubatore d’impresa
La Fondazione Real Sito di Carditello, da sempre culla di contaminazioni
Boom di contagi in Italia. Conte chiederà la proroga dello Stato di Emergenza al 31 Gennaio 2021
Preoccupano i numeri dei nuovi contagi da Coronavirus. Il Presidente
          Il 30 Gennaio 2020 il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiarava il focolaio internazionale di COVID-19 “un’emergenza di sanità pubblica di
          Il 30 Gennaio 2020 il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiarava il focolaio internazionale di COVID-19 “un’emergenza di sanità pubblica di
Il governatore della Campania, Vincenzo de Luca, scrive al premier Giuseppe Conte, segnalando, senza mezzi termini, le gravi inadempienze del governo in merito ai provvedimenti sinora posti
Il governatore della Campania, Vincenzo de Luca, scrive al premier Giuseppe Conte, segnalando, senza mezzi termini, le gravi inadempienze del governo in merito ai provvedimenti sinora posti

Report

Settimanale

Covid, De Luca a Conte: “Dal governo solo balbettii. Dove sono medici e infermieri? Sulla scuola posizione intollerabile”

Napolitano / Ott 29
Il governatore della Campania, Vincenzo de Luca, scrive al premier Giuseppe Conte, segnalando, senza mezzi termini, le gravi inadempienze del governo in merito ai provvedimenti sinora posti in essere nel
0 13 mins
Mezzogiorno Italia Press
Andrei Zadorine: Adolescenza
  • “Non terrorizziamo i bambini!”
  • Il virus non esiste!”
  • “Sono ragazzi e si devono divertire”

Sono alcune delle frasi che si ripetono ormai quotidianamente come un tormentone e che rendono bene l’idea di come spesso gli adulti, gli educatori abbiano difficoltà a gestire la comunicazione con i più giovani e con i bambini e vivano il ragionevole timore che le proprie parole possano causare danni psicologici. Non sempre, infatti, le strategie comunicative messe in atto sono adeguate e risultano efficaci per gestire le situazioni contingenti. In questo articolo non prenderò in considerazione le varie teorie sulla genesi e sulla realtà della pandemia, su quanto il covid sia realmente pericoloso, perché su questo c’è già troppa gente che scrive tutto e il suo contrario. Mi limiterò quindi a offrire spunti di riflessione riguardo al modo col quale gli adulti comunicano con i più piccoli, dal momento che vi sono delle regole di comportamento da rispettare quando ci si trova nelle situazioni sociali; una di queste è la scuola ed è in particolare il luogo in cui emergono tante contraddizioni e differenti teorie, spesso personali e prive di basi di conoscenza specifica, su quale sia il modo migliore per comunicare con i discenti. Comincerò dall’analisi delle frasi iniziali cercando di esaminarle una per una con senso critico.

Frase 1: NON TERRORIZZIAMO I BAMBINI. Questa è una delle più frequenti. Chi utilizza questa espressione parte dal presupposto che i bambini siano soggetti inermi da proteggere e che la…

ALTRI ARTICOLI

IL FORTORE: UN’ANTICA REGIONE DI TRANSUMANZA
Dell’antica regione della Transumanza restano oggi poche tracce sostanzialmente rinvenibili
IL TURISMO RURALE NELL’AMBITO DEL SISTEMA TURISTICO LOCALE (STL)
In ambito turistico lo strumento che favorisce la tendenza delle
Un corso gratuito di Lingua napoletana, per imparare dai Lazzari
Il 29 settembre riprendono i corsi gratuiti di lingua napoletana

666aaaa

Covid, De Luca a Conte: “Dal governo solo balbettii. Dove sono medici e infermieri? Sulla scuola posizione intollerabile”
di
Il governatore della Campania, Vincenzo de Luca, scrive al premier Giuseppe Conte, segnalando, senza mezzi termini, le gravi inadempienze del
Napoli, sequestrate 139mila mascherine protettive cinesi, prive di certificazione
di
Prosegue senza sosta il contrasto delle forze dell’Ordine alle attività illecite sul territorio partenopeo. Il comando Provinciale della Guardia di

666aaaa

Covid, De Luca a Conte: “Dal governo solo balbettii. Dove sono medici e infermieri? Sulla scuola posizione intollerabile”
di
Il governatore della Campania, Vincenzo de Luca, scrive al premier Giuseppe Conte, segnalando, senza mezzi termini, le gravi inadempienze del
Napoli, sequestrate 139mila mascherine protettive cinesi, prive di certificazione
di
Prosegue senza sosta il contrasto delle forze dell’Ordine alle attività illecite sul territorio partenopeo. Il comando Provinciale della Guardia di
0 view 5 mins
Mezzogiorno Italia Press

 

 

 

 

 

Il 30 Gennaio 2020 il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiarava il focolaio internazionale di COVID-19 “un’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale”, ma sarà l’11 Marzo che la parola Pandemia entrerà nelle nostre vite cambiandole radicalmente. In questi mesi i social media, i giornali, le tv ci hanno raccontato la pandemia attraverso una sequenza di immagini che sin da subito hanno evocato nell’immaginario collettivo scenari di guerra: Ospedali riconvertiti in covid zone, medici e infermieri prostrati dalla stanchezza e dalla paura, persone in fila davanti agli istituti di Carità, strade deserte, saracinesche abbassate, ed i camion militari che da Bergamo trasportavano bare nel silenzio di una notte senza fine. Se le immagini ci hanno dato il racconto visivo della crisi sanitaria che ci ha travolti, è stata la lingua a fotografare il cambiamento che il coronavirus ha apportato alla nostra quotidianità, al nostro vivere la socialità, la familiarità. Il lessico della medicina è entrato nel nostro vocabolario di base asintomatico, focolaio, intubato,incubazione si muovono con disinvoltura nei nostri discorsi familiari. L’Istituto Treccani ha inserito 100 nuove parole più usate durante la fase di emergenza. E’…

SLAH

NEWS

Il governatore della Campania, Vincenzo de Luca, scrive al premier Giuseppe Conte, segnalando, senza mezzi termini, le gravi inadempienze del governo in merito ai provvedimenti sinora posti
Andrei Zadorine: Adolescenza “Non terrorizziamo i bambini!” “ Il virus non esiste!” “Sono ragazzi e si devono divertire” Sono alcune delle frasi che si ripetono ormai quotidianamente
          Il 30 Gennaio 2020 il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiarava il focolaio internazionale di COVID-19 “un’emergenza di sanità pubblica di

SLAH

NEWS

Il governatore della Campania, Vincenzo de Luca, scrive al premier Giuseppe Conte, segnalando, senza mezzi termini, le gravi inadempienze del governo in merito ai provvedimenti sinora posti

FLASH NEWS

NEWS

Covid, De Luca a Conte: “Dal governo solo balbettii. Dove sono medici e infermieri? Sulla scuola posizione intollerabile”
Mezzogiorno Italia Press

Il governatore della Campania, Vincenzo de Luca, scrive al premier Giuseppe Conte, segnalando, senza mezzi termini, le gravi inadempienze del governo in merito ai provvedimenti sinora posti in essere nel corso dell’emergenza da COVID-19 : «Signor presidente, le segnalo…

Napoli, sequestrate 139mila mascherine protettive cinesi, prive di certificazione
Mezzogiorno Italia Press

Prosegue senza sosta il contrasto delle forze dell’Ordine alle attività illecite sul territorio partenopeo. Il comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, nell’ambito dei servizi di controllo sull’osservanza delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica, ha sequestrato, in un esercizio commerciale…

TODAY

EVENT

TODAY

EVENT

TODAY

EVENT

NEWS
Vincenzo Napolitano 29, Ott 2 mins
0 2 mins
Mezzogiorno Italia Press

Il governatore della Campania, Vincenzo de Luca, scrive al premier Giuseppe Conte, segnalando, senza mezzi termini, le gravi inadempienze del governo in merito ai provvedimenti sinora posti in essere nel corso dell’emergenza da COVID-19 : «Signor presidente, le segnalo con preoccupazione e sconcerto il fatto che a 15 giorni dagli incontri da me avuti con esponenti di governo, le principali richieste avanzate dalla Regione Campania per affrontare l’epidemia Covid rimangono tutt’oggi senza risposta. Le ricordo che avevamo chiesto l’invio immediato da parte della Protezione Civile di 600 medici (con particolare attenzione agli anestesisti) e 800 infermieri. Ad oggi sono arrivati solo 22 medici e 81 infermieri. È una situazione sconcertante e intollerabile se si tiene conto del fatto che la Regione Campania ha una sottodotazione drammatica di personale. Colgo l’occasione per sottolineare le sconcertanti affermazioni di consulenti sanitari nazionali relative alla Campania e che risultano assolutamente intollerabili a fronte dei ritardi gravissimi con cui il governo ha affrontato le questioni che riguardano la nostra Regione. Continuo a registrare in particolare posizioni tanto irresponsabili quanto scollegate da ogni valutazione epidemiologica in relazione al mondo della scuola. Attendiamo che il governo dica parole chiare ed esca dai balbettii e si assuma responsabilità piene. Dopo mesi di sottovalutazioni, di ottimismi forzati e di mezze misure, ci troviamo di fronte a decisioni improvvisate, male preparate e peggio motivate, e in un contesto nel quale molti operatori economici hanno visto non attuati gli impegni del governo. Nei prossimi giorni verificheremo rigorosamente e puntigliosamente il rispetto degli impegni assunti in relazione ai comparti economici colpiti dal Dpcm».

ALTRI ARTICOLI IN QUESTA CATEGORIA